Nel mese di settembre 2016 alcuni Istituti scolastici, associazioni genitori, associazioni no-profit del territorio milanese, hanno costituito formalmente il Tavolo di lavoro sulla Educazione alla Nonviolenza Attiva con il sostegno del Comune di Milano e delle associazioni promotrici Mondo Senza Guerre e Senza Violenza e La Comunità per lo Sviluppo Umano.

Ognuna di queste realtà aveva esperienza nel campo della prevenzione della violenza e della promozione della nonviolenza. Il Tavolo è nato proprio dall’esigenza di condividere e convogliare in un unico gruppo di lavoro queste esperienze con l’intento di delineare insieme un percorso educativo per promuovere l’educazione alla diversità, al rispetto dell’altro e costruire un’alternativa nonviolenta. Così questo percorso educativo potrebbe diventare un punto di riferimento cittadino e non solo.

Guardando al ben-essere delle ragazze e dei ragazzi è fondamentale lavorare sulla coesione sociale, sulla prevenzione del disagio giovanile, sulla valorizzazione delle diversità e della cittadinanza universale; su questo concordano le realtà partecipanti al Tavolo, i dati rilevati rispetto alla violenza nell’ambito dei minori, il piano MIUR per la formazione dei docenti 2016-19. Inoltre emerge chiaramente che è di cruciale importanza l’ambiente e la comunità educante, che include le figure educative presenti nell’ambiente scolastico (docenti, personale ATA, dirigenti) e quelle presenti nell’ambito extrascolastico.

Tenendo conto di tutte queste premesse è stata elaborata la Pratica di Educazione alla Nonviolenza Attiva, che verrà sperimentata nelle classi a partire da settembre 2017.